Home Primo Piano Il Nettuno BC  1945 vince contro il Modena e conquista la promozione...

Il Nettuno BC  1945 vince contro il Modena e conquista la promozione in A1

Una giornata da incorniciare per la città di Nettuno e per il baseball locale. Il Nettuno BC 1945 vince una gara importantissima contro il Comcor Engineering Modena

70

Di Mirko Piersanti

Una giornata da incorniciare per la città di Nettuno e per il baseball locale. Il Nettuno BC 1945 vince una gara importantissima contro il Comcor Engineering Modena e conquista la promozione in Serie A1 Baseball. I nettunesi si sono imposti con il risultato di 13-3 contro gli avversari modenesi. La partita non è stata delle più semplici per il Nettuno BC 1945, infatti il Modena Baseball ha messo in difficoltà la squadra locale più volte durante il match. Ma alla fine la grinte e la determinazione dei giocatori nettunesi ha fatto la differenza, decisive sono state le prestazioni di Ariel Soriano, Giuseppe Mazzanti e Paolino Ambrosino che mettono insieme 8 delle 15 valide battute della formazione nettunese e 7 dei 9 punti battuti a casa dall’attacco. Il Nettuno BC 1945 è partito subito forte, infatti approfitta di alcuni errori difensivi commessi dagli avversari e mettono in difficoltà il partente Erik Soto che vede entrare due punti su una volata di sacrificio di Ariel Soriano ed una valida a sinistra di Marcus van der Wijst che trova impreparato l’esterno Giorgio Tamburrini, colpevole del secondo errore. I nettunesi allungano poi nel secondo attacco, dove entrano altri due punti con le battute di Andrea SellaroliPaolino Ambrosino e Giuseppe Mazzanti, che ispira il momentaneo 4-0. Nella parte bassa però il Comcor Engineering Modena reagisce contro un Andrea Pizziconi ancora alle prese con grossi problemi e messo in ulteriore difficoltà anche dalla difesa. Un sacrificio di Gianluca Scerrato serve a mettere in posizione punto Baraldi e Tamburrini mentre, con due eliminati, una base su ball conquistata da Lorenzo Scerrato serve a riempire le basi, che si svuotano in parte con un singolo da due punti che porta la firma di Luca Martone. Soto riempie le basi nel terzo ma riesce ad uscirne con uno strikeout e la presa al volo da parte dell’esterno centro Campazzi su Sellaroli, mentre Pizziconi sembra riprendersi con un inning perfetto da tre strikeout per poi tornare a soffrire nuovamente nel quarto inning, dove riesce ad uscire da una situazione di basi piene. Soto controlla l’attacco nettunese nel quarto e quinto inning ma nel sesto inning le cose cambiano, con i nettunesi che costringono il dugout emiliano al primo cambio sul monte dopo un solo eliminato e due arrivi in base. L’esperto Carlos Richetti non riesce però a fermare il potente Giuseppe Mazzanti, che batte contro le recinzioni dell’esterno sinistro ottenendo tuttavia soltanto un singolo che riempie le basi. Tocca ad Alberto Mineo, approfittando di un errore di tiro dello stesso Richetti, battere il punto del 5-3 e dare via ad una ripresa che termina dopo un altro cambio sul monte ed altri cinque punti segnati con un doppio di Soriano , un lancio pazzo ed una volata di sacrificio. Sul 10-3 la partita ha ormai poco da dire con un Modena che nel settimo inning non approfitta di due basi su ball concesse da Andrea Pizziconi e rimane vittima degli strikeout numero sei e sette del lanciatore campione d’Italia e d’Europa nel 2019 con la UnipolSai Fortitudo Bologna, per poi incassare altri due punti con una lunga volata di Giuseppe Mazzanti, poi arrivato a casa su lancio pazzo di Taschini. Valerio Simone, schierato da Guglielmo Trinci per aprire il settimo inning, infila strikeout a ripetizione e respinge l’attacco della squadra di casa nel settimo e ottavo inning mentre nel nono inning l’attacco nettunese, contro il nuovo entrato Alessandro Petralia, riempie le basi con zero eliminati riuscendo tuttavia a segnare soltanto un punto con una volata di sacrificio di Giuseppe Mazzanti che chiude con 3 punti battuti a casa. A chiudere la partita ci pensa Federico Pecci con due strikeout su Luca Martone e Alessio Corrado e la presa al volo dell’esterno destro Federico Giordani sulla volata di Luca Gibertini.