Home Cronaca Droga tra il carcere di Frosinone e il litorale, in manette dieci...

Droga tra il carcere di Frosinone e il litorale, in manette dieci persone

Smantellata dalla squadra mobile della questura di Frosinone un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di droga tra la ciociaria e il litorale romano,

1065

Smantellata dalla squadra mobile della questura di Frosinone un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di droga tra la ciociaria e il litorale romano, nel triangolo compreso tra Ardea, Nettuno e Anzio. In manette dieci persone, tra le quali due residenti ad Ardea, S.T. una donna di 39 anni ed E.Q. un uomo di 37, entrambi italiani, per i quali è stata disposta la custodia cautelare in carcere.
Il prezzo della droga era ormai bassissimo, talmente alto era il volume di affari: il gruppo smerciava quotidianamente circa 150 dosi, con guadagni fino 6mila euro al giorno. Una singola dose poteva costare anche 20 euro.
Secondo le indagini i due arrestati di Ardea facevano parte della rete di spacciatori del “Cartello di Via Bellini”, come è stata denominata l’operazione coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, che lunedì 12 ottobre ha disposto l’arresto di dieci persone (nove in carcere e una ai domiciliari) tra cui loro. Il reato contestato è pesante: associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.
Le indagini erano partite dall’arresto, nel 2017, di un agente della polizia penitenziaria che, secondo gli inquirenti, era diventato un corriere della droga per il carcere di Frosinone: era stato fermato con cocaina, hashish e marijuana mentre andava al lavoro; la droga gli era stata consegnata dalla moglie di uno dei suoi corruttori che – da semplice vedetta – era poi diventata il braccio destro del capo dell’associazione, un uomo albanese.