Home Politica Il consigliere Mancini ‘indaga’ sulla politica ma ancora non chiede le immagini

Il consigliere Mancini ‘indaga’ sulla politica ma ancora non chiede le immagini

In quello che il consigliere comunale di opposizione Daniele Mancini definisce un video verità illustra una serie di bugie e, soprattutto, non spiega perché non vuole

379

In quello che il consigliere comunale di opposizione Daniele Mancini definisce un video verità illustra una serie di bugie e, soprattutto, non spiega perché non vuole che si controlli con le telecamere chi gli ha buttato le uova sull’auto.
La prima bugia riguarda il fatto che non abbia diffidato il Comune. Lo ha fatto, abbiamo il documento che lo prova, Mancini lo sa bene.
L’Ufficio Ambiente poteva mettere a disposizione le immagini, poi ad indagare e a visionarle sarebbero state le forze di polizia. Come sempre accade.
Voler instillare il dubbio che qualcuno voglia giocare con le immagini sfiora il ridicolo.
Mancini chieda le immagini subito, prima della cancellazione, e ci faccia vedere chi ha buttato le uova sulla sua auto.
Le forze di polizia, con cui questa redazione hanno buoni rapporti di dialogo e collaborazione per quello che riguarda le notizie di cronaca, alla domanda perfettamente lecita, persino banale: ci sono denunce sul caso delle uova buttate sull’auto del consigliere Mancini? Hanno risposto NO.
Per la cronaca in questa domanda e nella successiva risposta non c’è alcuna violazione di segreto. E’ una domanda che la stampa pone con frequenza e sui più svariati reati. Nelle risse si chiede ci sono denunce? Per i furti che spesso ci segnalano ma che alle volte non vengono denunciati chiediamo continuamente conferme. E’ una prassi.
Se un giornalista volesse chiedere alle forze di polizia dati riservati o una ‘soffiata’ non lo farebbe per sapere se Mancini ha sporto denuncia perché quello è un dato banale.
Per chiarezza nessuno all’Ufficio Ambiente ha voglia, tempo e soprattutto interesse a visionare le immagini del consigliere Mancini che sembra volersi sentire perseguitato probabilmente a causa del totale disinteresse che scatena nella stampa e nei colleghi della politica. Nessuno è particolarmente interessato a lui se non in forza del pessimo carattere che sviluppa particolari antipatie. Per il resto l’azione politica di opposizione del consigliere Mancini è banale: Contrasto alla maggioranza, dubbi sulla legittimità di quello che fa la maggioranza, denunce alla maggioranza. Niente che non si sia già stravisto.
Quindi il consigliere Mancini ha diffidato il comune e tutti gli altri a NON guardare le immagini.
Nei suoi confronti non c’è dossieraggio (se ci fosse sarebbe pessimo perché su di lui non esistono articoli di nessun genere che non siano legati a fatti realmente accaduti), non esiste alcuna struttura organizzata contro di lui. E’ folle solo pensarlo.
Esiste un episodio di cronaca che Mancini ha pubblicizzato, su cui ha fatto illazioni, e oggi si comporta come se non volesse far sapere chi è stato. Mancini ha ancora 24 ore per chiedere le immagini, lo invitiamo a farlo. Poi le immagini saranno cancellate.
Mancini annuncia nel suo video verità che lui sta indagando sull’operato dell’ufficio Ambiente, sulle gare, sull’assessore Dell’Uomo. In che veste? In quella di poliziotto o di consigliere comunale? Glielo chiediamo a mezzo stampa e siamo davvero curiosi di capire se la sua è un’indagine in proprio o con i mezzi certamente più imponenti, che fornisce lo Stato. Chiediamo anche se le indagini che sta facendo il consigliere e Vice Ispettore Mancini riguardano solo l’Ufficio Ambiente oppure sono destinate ad altri soggetti. Il Vice Ispettore e consigliere Mancini indaga sulla stampa che ritiene ostile? E con quale autorità? Crea legami distorti con organi di divulgazione per attaccare i concorrenti, paga per avere visibilità e alleati? Aspettiamo delle risposte.