Home Politica Mancini i disservizi a Nettuno e la politica dell’odio per stampa e...

Mancini i disservizi a Nettuno e la politica dell’odio per stampa e avversari

490
La foto pubblicata dal consigliere Mancini

C’è stato un tempo in cui il consigliere comunale di opposizione a Nettuno Daniele Mancini era vicesindaco di questa città. In più occasioni quando la stampa riportava disservizi come la presenza di immondizia per strada e al Borgo la sera, il mare sporco segnalato dai cittadini, la parziale riuscita di alcuni eventi organizzati dalla sua Amministrazione, ‘se la prendeva’ non solo per la sottintesa critica all’operato dei 5 stelle da parte della stampa, ma anche perché si faceva ‘pessima pubblicità alla città di Nettuno’. Ma la stampa, oggi come allora, davanti alle segnalazioni reali dei cittadini, non può e non deve restare in silenzio. Oggi il consigliere Mancini, che ieri ci teneva tanto da Vicesindaco a dare una buona immagine di Nettuno, sulla questione è meno attento. Pubblica foto di mare sporco e fa insinuazioni sulla depurazione, pubblica foto di immondizia vicino agli stabilimenti, e parla di stampa ‘amica’ del centrodestra che fa titoli ‘salva Sindaco’ e ‘complice’ perché non segnala i disservizi.

La foto pubblicata dal consigliere Mancini

Quindi coscienti di essere il primo riferimento delle critiche del consigliere Mancini (che si conferma il nostro primo e più attento lettore, grande dote se non fosse per la fastidiosa tendenza a voler creare lui il palinsesto delle notizie) siamo andati a verificare se i cittadini avessero pubblicato sui social o inviato alla nostra redazione segnalazioni di disservizi di qualunque genere. I giornalisti del Clandestino non possono essere ovunque, ma davvero raramente hanno omesso di pubblicare critiche ai servizi cittadini di Anzio e Nettuno, qualunque sia stata l’Amministrazione al governo, e mai hanno omesso problemi sulla qualità delle acque in mare (basta verificare con la ricerca sul nostro giornale).
Ebbene nessuna segnalazione ci è arrivata su acque sporche a Nettuno né su immondizia in strada. E neanche sui social i cittadini hanno ritenuto di fare segnalazioni. I disservizi li segnala direttamente il consigliere Mancini e per carità, se sono veri, fa benissimo. Anche noi siamo pronti, come abbiamo fatto sempre nonostante i suoi attacchi scomposti e la sua arroganza sempre pessima e inopportuna, a dargli spazio e voce. Essendo lui uno stimato membro della classe politica cittadina siamo certi che ha ben verificato la situazione, perché sarebbe davvero terribile per un tornaconto politico personale, gettare fango su una città intera, sul suo mare quest’anno insolitamente pulito, sulle sue attività produttive, che faticosamente stanno uscendo dalla crisi dovuta al Coronavirus.
In queste sere d’estate Nettuno è piena di gente, famiglie, turisti, ragazzi. Non è un merito di questa Amministrazione che poco ha potuto fare (come tutte le altre in Italia) per attrarre turisti. E’ invece certamente una conseguenza del Coronavirus che ha fatto si che si prediligesse il ‘turismo di prossimità’. La speranza è che chi è venuto questa estate a Nettuno costretto dai limiti imposti dal coronavirus (che ha di fatto annullato le vacanze all’estero e ridotto la scelta delle famiglie) ci torni magari anche l’anno prossimo. E la speranza è che i servizi funzionino, l’acqua sia bella, gli stabilimenti lavorino, i ristoranti incassino… La stampa per dire che qualcosa non va aspetterà le segnalazioni ‘vere’, quelle dei cittadini. Nel frattempo al consigliere Mancini, espertissimo nel dare consigli alla stampa e nel giudicarne il lavoro, ricambiamo il favore dandogli anche noi un consiglio: si concentri sul ruolo di consigliere comunale di opposizione piuttosto che su quello di giudice della comunicazione, magari con un occhio di riguardo agli interessi della città che ha l’onore di rappresentare in consiglio comunale i cui interessi oggi sembra avere meno a cuore privilegiando invece la politica dell’odio che sta portando avanti contro i suoi avversari politici e contro la stampa.