Home Cronaca Il Sindacato di polizia al Questore: “Grido di aiuto dal Commissariato di...

Il Sindacato di polizia al Questore: “Grido di aiuto dal Commissariato di Anzio”

1595
Il commissariato di polizia di Anzio

Il Segretario provinciale del Sindaco di Polizia Coisp ha scritto al Questore di Roma per una richiesta di intervento urgente per il Commissariato di Polizia di Anzio e Nettuno.
“Egregio Signor Questore, il Coisp già pochi mesi fa aveva avuto il sentore del degrado che stesse colpendo le cittadine di Anzio e Nettuno e con una lettera datata 6 marzo 2020 a Lei indirizzata (che si allega alla presente), Le anticipava quello che ora le istituzioni Comunali ed i cittadini del posto gridano a voce alta.
Ovvero un “grido di aiuto”. La microcriminalità avanza e dilaga, sono arrivati i turisti, le movide serali cominciano a creare problemi e ad oggi ancora non arrivano i rinforzi estivi, rinforzi che ogni anno vengono inviati per dare un minimo di supporto ai colleghi del Commissariato di Anzio-Nettuno che tutti i giorni vivono una situazione di emergenza.
Ad avvalorare la posizione del Coisp è di pochi giorni fa la denuncia dei cittadini e del Sindaco, che per arginare il problema, arriva a chiedere l’intervento dell’Esercito. Il Coisp ci tiene a precisare che l’aumento dei casi delittuosi o comunque la percezione della poca sicurezza da parte dei cittadini non può essere imputabile alle donne ed agli uomini del Commissariato di Anzio. Personale che per garantire un numero sempre maggiore di servizi e di pattuglie è costretto ad effettuare doppi turni, per assicurare, oltre ai servizi sul territorio, l’ordinaria funzionalità degli uffici e le relative pratiche di Polizia amministrativa. Inoltre la carenza di personale, impone a volte la negazione di recuperi riposo e congedi ordinari agli uomini del Commissariato. Il Coisp chiede che venga al più presto emanato il dispositivo delle aggregazioni presso il Commissariato di Anzio, al fine di incrementare l’organico a disposizione del Dirigente in modo di poter dare una risposta concreta al grido di allarme lanciato dal Sindaco e dalla cittadinanza stessa. In attesa di un sollecito riscontro, si porgono cordiali saluti”. 

Il Segretario Provinciale Generale COISP