Home Cronaca Picconate ad un muro per occupare un appartamento allo Zodiaco, fermati

Picconate ad un muro per occupare un appartamento allo Zodiaco, fermati

1502

Prendono a picconate il muro, tentando di occupare abusivamente un appartamento nel quartiere Zodiaco ad Anzio, ma sul posto arrivano immediatamente le forze dell’ordine e sventano l’ennesimo sopruso. A raccontare i fatti un residente della zona che, insieme agli altri, è esagerato per la situazione in cui si trova il quartiere. Preso uno dei tre soggetti che ha tentato l’irruzione nell’abitazione privata. “Qui non si tratta solo di fermare occupazione l’abusiva dell’immobile – hanno fatto sapere i residenti – ma la nascita di un nuovo focolaio della criminalità che sta uccidendo questo quartiere”.

L’episodio è successo due giorni fa in via del Leone. Tre soggetti, due uomini e una donna dell’etnia Rom, tutti già noti alle forze dell’ordine, muniti di attrezzatura da scasso hanno provato ad entrare in un’appartamento per occuparlo abusivamente. Sul posto tempestivamente sono arrivati i carabinieri e la polizia. Due uomini sono scappati ma, grazie alle testimonianze dei condomini è stato possibile capire di chi si tratta. Fermata la donna che era con loro che apertamente dichiarava di aver intenzione di occupare abusivamente l’appartamento al terzo piano. Poiché sprovvista dei documenti è stata portata in caserma. Nel momento dell’intervento i carabinieri hanno potuto contattare telefonicamente il demanio dell’INPS, proprietario e gestore del appartamento in questione.  Il rappresentante dell’Ente che ha accolto la segnalazione dell’accaduto ed ha dichiarato che l’INPS provvederà a presentare la denuncia per la tentata irruzione nell’appartamento.
“Siamo grati alle forze dell’ordine per la tempestività con la quale sono intervenuti – ha detto una condomina che ha visto i due uomini che tentavano di abbattere la porta murata dell’appartamento – già in altre situazioni abbiamo potuto costatare che proprio la velocità con la quale i nostri agenti di Anzio riescono ad agire permette di fermare i malviventi prima ancora che compiono il reato. Non è vero sono ignoti gli autori degli atti di vandalismo e dell’invasione nelle proprietà private nel nostro quartiere. Noi conosciamo benissimo i volti dei bulli di zona. Sappiamo però che importante che vengano sorpresi in flagrante quanto compiono gli atti di delinquenza e speriamo che questo accade per poter fermare questa situazione e restituire decoro a questa zona dimenticata della città”.