Home Politica L’opposizione a Nettuno: “Maggioranza in guerra, servono risposte”

L’opposizione a Nettuno: “Maggioranza in guerra, servono risposte”

143

“La situazione della maggioranza che sta emergendo in queste ore è seriamente preoccupante e dà la misura di una classe politica priva di spessore e vistosamente inadeguata al ruolo”. Lo scrivono in una nota stampa i consiglieri comunali di opposizione Antonio Taurelli, Waldemaro Marchiafava, Roberto Alicandri e Marco Federici.
“Coloro che dovrebbero garantire un governo e una programmazione a questa Città – aggiungono – in un momento così critico, sono impegnati sul fronte di una guerra tutta interna alla maggioranza, fatta di gruppi astiosi e politicamente violenti la cui unica ragione è accaparrarsi potere. Ci stanno abituando ad una continua lotta di spartizione, fatta di costanti richieste di assessorati o di altre posizioni. Questa guerra che non si è fermata neanche dinnanzi alla drammatica situazione degli scorsi mesi. Il sistema di veti incrociati rischia di gettare la Città in un pericolosa spirale regressiva mentre (per dirne solo due), da un lato, i commercianti aspettano risposte concrete sul suolo pubblico e dall’altro, la gestione delle spiagge libere, salvo strambe rassicurazioni, è in alto mare. Dopo la nostra richiesta di convocazione del Consiglio Comunale per chiedere conto sulla condotta dell’assessore Dell’Uomo rispetto all’appalto cimitero, si sta praticamente sgretolando il centrodestra nettunese che, evidentemente, non vuole avallare la condotta dell’Assessore protetto da una immunità speciale direttamente concessa dal Sindaco. Il quadro è chiaro. Da una parte l’onnipotente assessore Claudio Dell’Uomo, l’unico capace di essere incisivo nelle scelte dell’Amministrazione e che gode, qualunque cosa faccia, di speciale protezione dal Sindaco. Dall’altra il gruppo Capolei, che stanco di fare selfie e di alzare la mano spasmodicamente in Consiglio, si è reso (tardivamente) conto di essere irrilevante e si appresta a ricattare il primo cittadino in un ultimo atto di impotenza, sventolando il passaggio in opposizione. Il vero problema però sono tutti gli altri. È inaccettabile il silenzio dei gruppi consiliari di maggioranza. Mentre gli eletti sono muti, la vera partita se la giocano i nominati: l’assessore Dell’Uomo e il coordinatore di Forza Italia Capolei. Non riusciamo a capire cosa pensi la Lega (Alessandrini, Mazza, Biccari), ad esempio, che con cinquemila preferenze non può permettersi questa afonia di circostanza. Vorremo sapere la posizione della neonata formazione Nettuno si Muove (formata da Armocida e De Zuani e che finora si è mossa solo per chiedere un assessorato). Vorremo sapere cosa pensano i Fratellini d’Italia (D’Angeli, Barraco, Guercicova) sempre pronti a puntare il dito contro chi non ‘non è stato eletto’. Si faccia sentire la lista Coppola (Ranucci) per rendere palese, magari anche in modo naif qual è la sua posizione. Ma non lo vogliamo sapere solo noi, lo vogliono sapere i loro elettori che hanno il diritto di sentire la voce dei loro beniamini. Voce ragazzi! Intervengano per la dignità della loro funzione e per rispetto di chi li ha eletti. Chi è legittimato dal voto popolare non può permettersi il lusso del silenzio. Dicano tutti da che parte sono perché nel silenzio, come disse il poeta, ci si può pure credere assolti ma si è comunque coinvolti”.