Home Cultura e Spettacolo L’asilo nido di Nettuno il Germoglio compie 40 anni, la lettera delle...

L’asilo nido di Nettuno il Germoglio compie 40 anni, la lettera delle educatrici

103

Ai suoi primi 40 anni di vita, in realtà, il Nido comunale di Nettuno “il Germoglio” non li dimostra affatto, sempre in fermento per attività e voglia di crescere anche se, proprio quest’anno, un piccolo “animaletto dispettoso”, di nome “coronavirus”, come noi educatrici lo raccontiamo ai più piccoli, sta cercando di impedire i suoi festeggiamenti.
In programma, una grande festa e tanti eventi: una mostra di giochi antichi, di laboratori creativi, un percorso sensoriale, accompagnati da musica e allegria. La festa non è stata cancellata ma solo rimandata a quando la vita riprenderà il suo regolare corso.
Per spiegare cos’è l’Asilo Nido “Il Germoglio”, dobbiamo fare un piccolo salto indietro nel tempo, proprio come nelle fiabe.
Nel maggio 1980, il Sindaco Antonio Simeoni, istituisce “Il Germoglio” che rappresenta il primo esempio di servizio alla primissima infanzia reso alla comunità locale. In 40 anni di storia, questo asilo ha accolto e si è preso cura di tanti bambini da 0 a 3 anni, diventando un punto di riferimento imprescindibile per la comunità. 
Oggi, punto di forza de “Il Germoglio” è di certo il lavoro di squadra e la sentita collaborazione che intercorre tra noi educatrici, il personale ausiliario, il personale di cucina, la coordinatrice pedagogica dott.ssa Manuela Turano, la pediatra dott.ssa Francesca Bonetti e i Servizi Sociali comunali, con Annarita Bacci referente. A dirigere questa squadra, tutta al femminile, è la Dottoressa Margherita Camarda, che da qualche anno ci guida instancabilmente verso una visione comune degli obiettivi prefissati.

Quanti bambini sono stati accuditi, curati e amati in 40 anni di attività?
I protagonisti indiscussi della storia del nostro Nido sono proprio loro: i Bambini che, numerosi, continuano a dare linfa vitale alla realizzazione del nostro e loro progetto educativo perché diventi anche un progetto di vita.
Quella educativa, infatti, è una relazione a due dove chi educa e chi è educato non sono discernibili.
Un ringraziamento particolare va al Sindaco Alessandro Coppola, all’Amministrazione comunale e all’Assessore Maddalena Noce, per la sensibilità che dimostrano nei confronti delle esigenze dei piccoli utenti. Nel ringraziarli ci auguriamo di continuare lungo questa strada di proficua collaborazione, in modo da condividere un servizio sempre più a misura di bambino.
Siamo certe che da una pubblica Amministrazione, attenta ai bisogni dei più piccoli, possano formarsi cittadini capaci di dare un contributo migliore alla società.

Il nostro pensiero speciale va alle educatrici di ieri: Claudia Ciccarelli, Grazia Belli, Carla Bisaro e Margherita Terenzi.

Seguendo le loro orme continueremo a seminare
nell’animo dei piccoli alunni il “Germoglio dell’Amore”.
Con affetto.

Arianna Temperilli, Annarita Tarantini, Antonella De Franceschi, Francesca Colli, Luigia Marino, Laura Bussi, Maria Rita Tomei, Marina Perrupato Scè e Maria Vittoria Ottaviani