Home Politica Regione Lazio Regione Lazio – Sbloccati i fondi per le infrastrutture

Regione Lazio – Sbloccati i fondi per le infrastrutture

747
La Regione Lazio
La Regione Lazio

Sbloccati fondi regionali fermi dal 2011, immediatamente disponibili per il finanziamento di opere infrastrutturali finalizzate allo sviluppo economico. La Regione Lazio è riuscita a rendere finalmente disponibili 14,9 milioni di euro per investimenti utili alle infrastrutture per lo sviluppo economico allocati secondo i termini della Legge Regionale n. 60/ 1978: 9,2 milioni di euro relativi a 6 progetti del 2011; 5,7 milioni di euro per il 2013 (per un totale di 10 progetti di intervento). Questo insieme di interventi consentirà di migliorare finalmente diversi collegamenti stradali, potenziare la viabilità a servizio dei consorzi industriali, incrementare la funzionalità dei depuratori, delle reti idriche e fognarie, migliorare l’illuminazione pubblica. Si tratta di una nuova serie di opere aggiuntive rispetto a quelle già avviate o programmate dall’attuale Giunta regionale tramite il Bilancio ordinario o l’utilizzo dei Fondi Comunitari con l’obiettivo di potenziare infrastrutture e servizi per favorire lo sviluppo del tessuto produttivo locale. L’assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani, e il presidente della Commissione Sviluppo Economico del Consiglio Regionale del Lazio, Mario Ciarla, hanno presentato presso il Parco Cinecittà World di Castel Romano, il dettaglio degli investimenti e delle opere che saranno realizzate grazie al recupero di questi fondi. “Si tratta – ha affermato Guido Fabiani – di investimenti immediatamente spendibili su tutto il territorio regionale attraverso opere finanziate che risultano essere strategiche per l’economia della nostra Regione”. “Opere per le quali – continua Fabiani – gli impegni e i costi relativi non sono stati rispettati dall’amministrazione precedente”. Con lo sblocco dei 15 milioni i soggetti vincitori delle due graduatorie potranno avviare, entro 180 giorni, l’apertura dei cantieri, condizione per ricevere, secondo le modalità previste dai bandi, le tre quote in cui è suddiviso ciascun finanziamento regionale distribuito nel corso del triennio 2014-2016. Una prima tranche di pagamenti del 10% del valore degli interventi verrà effettuata entro il 2014. Il successivo 40% del finanziamento avverrà nel 2015 e il restante 50% nel 2016, secondo le modalità tipiche degli stati di avanzamento dei cantieri.