Home Politica Estate e Impianti sportivi, è lite tra maggioranza e Nettuno progetto comune

Estate e Impianti sportivi, è lite tra maggioranza e Nettuno progetto comune

410
Il Comune di Nettuno

“Abbiamo informato i cittadini su un fatto amministrativo: le casse del Comune per il settore Sport-Turismo e Spettacolo sono state svuotate per neanche due mesi di visibilità politica senza alcuna programmazione e pianificazione annuale di gestione delle risorse.
Se fosse stato il loro bilancio familiare avrebbero fatto lo stesso?”. Arriva astretto giro la contro replica dei consiglieri comunali Sanetti e Mancini al consigliere di Fratelli d’Italia Genesio D’Angeli, che difendeva l’operato della maggioranza e una stagione estiva di successo rispetto alle precedenti.
“La maggioranza e l’assessore – aggiungono Mancini e Sanetti – dicano dove troveranno i soldi per arrivare a fine anno. I cittadini vogliono sapere come vengono gestiti i loro soldi, i soldi pubblici. I nettunesi non vogliono più debiti sulle loro spalle che alla fine devono pagare in meno servizi e minor opere. Nella risposta della maggioranza è evidente a tutti, oltre alla sterile polemica politica del tutto e niente, la non conoscenza dei procedimenti amministrativi e del senso della trasparenza: Assessori e consiglieri si andassero a leggere la relazione del 2016 del Commissario Prefettizio sulla gestione degli impianti sportivi comunali, gli stessi se hanno il coraggio facessero sapere cosa dice quel documento sulla gestione dei partiti del patrimonio pubblico, prima di addossare responsabilità tra l’altro non vere a chi ha iniziato a risollevare Nettuno dal disastro, dicessero che il Commissario aveva istituito, addirittura, un Ufficio Speciale “blindato” che si occupasse della ‘scandalosa’ questione. Rispondete nel merito non deviate l’attenzione sul pretestuoso confronto: noi vi abbiamo fatto trovare le casse piene… voi le state svuotando nuovamente dimostrando spregiudicatezza e irresponsabilità amministrativa. Ricordate sempre che non sono soldi vostri o dei vostri partiti”.