Home Politica Russo e Brignone chiedono la convocazione della Commissione Ambiente

Russo e Brignone chiedono la convocazione della Commissione Ambiente

130
Il consigliere del Movimento 5 stelle Mariateresa Russo

“Oggi ho protocollato con il collega Luca Brignone la richiesta di convocazione della Commissione Ambiente. Ricordando le numerose urgenze evidenziate dallo stesso Assessore Fontana che vanno dalle modifiche dei regolamenti (cimitero, Usa&getta, verde pubblico) alla questione della stesura del prossimo capitolato d’appalto per la raccolta rifiuti e del verde, ho chiesto che venga messo in ordine del giorno il punto della situazione sulla raccolta rifiuti nel territorio cittadino. Il bilancio sul versante rifiuti dopo la stagione estiva è tutt’altro che positivo. Al centro come nelle periferie, per non parlare dei problemi irrisolti degli stabilimenti balneari”. Lo scrive in una nota stampa il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Mariateresa Russo.

“La video sorveglianza annunciata innumerevoli volte da questa amministrazione come dalla precedente non è mai partita, consentendo il prolungarsi degli abbandoni stradali dei rifiuti soprattutto nelle zone periferiche. Le ordinanze del Sindaco sulla pulizia dei fronte strada da parte dei privati non è rispettata da molti cittadini soprattutto dai possessori di lotti incolti, cosa che aumenta il degrado e il proliferare di insetti e animali e piante infestanti. E come se non bastasse i cittadini di molti quartieri ricominciano ad avvertire forti odori di plastica bruciata durante la notte.
Ho provato a chiedere in consiglio una Task Force per i problemi di abbandono a Sacida e a Cinquemiglia, ma mi è stato risposto a comunicazione con l’ufficio Ambiente che sono già in atto sinergie con le forze dell’ordine. Ebbene queste sinergie a vedere quello che c’è a via Verga e a via Goldoni pare non esista. O evidentemente non funziona.
Al netto di queste ed altre criticità che sono sotto gli occhi di tutti, spero che si possa in Commissione aprire un dibattito sereno su tutta la questione in vista del cambio di gestione o quantomeno di capitolato che va preparato per tempo. E con cognizione di causa. Per non incorrere di nuovo negli stessi errori di valutazione fatti in passato. Perchè i cittadini sono stanchi e arrabbiati.
Spero che la maggioranza che più e più volte ha sottolineato in Consiglio l’amore per Anzio non sollevi muri e non faccia lei ostruzionismo a questa risicata opposizione che prova, nonostante tutto, a essere propositiva”.