Home Politica Mozione sulla Biogas, chiesta una commissione di esperti per lo stop al...

Mozione sulla Biogas, chiesta una commissione di esperti per lo stop al progetto

E' stato il consigliere di Fratelli d'Italia Marco Del Villano il primo a prendere la parola per leggere la sua mozione in cui chiede una commissione di esperti per lo stop del progetto della centrale Biogas in corso di realizzazione da parte della Asja Ambiente in via della Spadellata

139
Consiglio comunale Anzio
Consiglio comunale Anzio

E’ stato il consigliere di Fratelli d’Italia Marco Del Villano il primo a prendere la parola per leggere la sua mozione in cui chiede una commissione di esperti per lo stop del progetto della centrale Biogas in corso di realizzazione da parte della Asja Ambiente in via della Spadellata perché, a suo dire, non rispetta i regolamenti regionali e comunali sulle distanze dai nuclei abitati. A destare dubbi anche le recenti indagini che hanno coinvolto l’ufficio ambiente e in particolare l’ex assessore Patrizio Placidi. A metà del suo intervento, che di seguito riportiamo, un botto ha animato l’aula. A creare confusione e caos la rottura di una sedia tra la folla che ha destato qualche minuto di allarme.

“Chiediamo – ha detto il consigliere Del Villano – l’istituzione di una Commissione speciale tecnico politica per la verifica sui lavori in corso, fermo restando la segnalazione a tutti gli enti coinvolti del processo autorizzativi, Regione e Asl, in cui si sottolinea che l’autorizzazione è stata concessa contro i regolamenti regionali e comunali perché non si rispettano le distanze tra impianto, nucleo abitato, e scuola. Dovranno essere nominati tre tecnici per relazionare sui lavori in corso che, se non vengono rispettati tutti i criteri di sicurezza potranno procedere con la richiesta di chiusura del cantiere”.

È il consigliere Marco Maranesi quindi, in tono polemico a dire che: “Se ci sono le premesse per la chiusura è importante inviare domani la polizia locale e procedere”.

Dopo l’intervento di Maranesi è stato il sindaco Bruschini a prendere la parola e a manifestare e preoccupazione per l’incolumità dei cittadini seduti sulle sedie che scricchiolavano. Ha invitato quindi i cittadini ad allungarsi e, in deroga ai regolamenti comunali, li ha fatti passare dietro i banchi occupati dai consiglieri comunali, per poi scendere al piano inferiore insieme al consigliere Bernardone per verificare se quello che sembrava lo scricchiolio della sedia non fosse in realtà il cedimento del pavimento. Una situazione al momento dopo una breve interruzione è tornata alla normalità.