Home Politica Pubblicato il Bando rifiuti del Comune di Nettuno, 54 milioni in sette...

Pubblicato il Bando rifiuti del Comune di Nettuno, 54 milioni in sette anni per la pulizia

L'Amministrazione Comunale di Nettuno informa che ieri 2 agosto, è stato pubblicato sul sito SUA e sul "Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea"

868

L’Amministrazione Comunale di Nettuno informa che ieri 2 agosto, è stato pubblicato sul sito SUA e sul “Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea” il bando “302119-2017 Italia-Roma: Servizi di raccolta di rifiuti” con decorrenza legale dal 28/7/2017 e scadenza 14/09/2017, valido per il settennato 2017-2024.

Un bando che nelle intenzioni è destinato a fare storia a Nettuno, con l’Amministrazione comunale che, per individuare i criteri adatti a dare un volto nuovo alla cittadina del Tridente, ha appaltato alla Erica, al costo di 30mila euro, la redazione del documento con tutte le specifiche necessarie a dare garanzie assolute di pulizia e buona gestione del servizio. Più volte il vicesindaco, molto attento ai temi ambientali, ha sottolineato di voler vedere Nettuno pulitissima spingendo su una differenza finalmente efficace.

“Nel rispetto dei termini previsti e del cronoprogramma amministrativo – ha detto il Vicesindaco e Assessore all’Ambiente Daniele Mancini – si realizza un altro passaggio necessario a restituire e assicurare dignità e decoro alla città e siamo orgogliosi del grande impegno profuso da tutto il gruppo della Giunta”.

Ora non resta che attendere e vedere chi vincerà l’appalto e sarà chiamato ad attuare i piani dell’Amministrazione, chiamata a scontrarsi con una cittadinanza che fino ad oggi ha dimostrato in diverse occasioni scarso senso civico, contribuendo in maniera massiccia al degrado di molte zone della città. Oltre ai cafoni del centro, infatti, restano diversi i punti critici, a partire da via delle Grugnole. L’area che circonda il Bosco, un’area verde protetta e bellissima, ed è lo specchio dell’inciviltà di chi a Nettuno risiede e senza alcuna remore distrugge il suo patrimonio dimostrando di non avere alcuna cura e alcun rispetto del territorio in cui vive.