Home Politica Nettuno – Crisi politica, Chiavetta: “Accordo blindato per dare risposte alla città”

Nettuno – Crisi politica, Chiavetta: “Accordo blindato per dare risposte alla città”

694
Il sindaco di Nettuno Alessio Chiavetta

Non è finita qui l’esperienza amministrativa della seconda giunta Chiavetta alla guida del Comune di Nettuno. Dopo un primo vertice in cui si è discusso per arrivare a capire i motivi della crisi, nel secondo incontro è stato avviato un dialogo produttivo all’interno della maggioranza di centrosinistra per far ripartire l’azione amministrativa. A breve sono previsti altri incontri per mettere nero su bianco i dettagli del programma, poi i cambiamenti dovrebbero essere immediatamente operativi e visibili. “Dopo un primo incontro che è stato un punto di partenza per avviare una dialogo – ha detto il primo cittadino Alessio Chiavetta – ci siamo riuniti di nuovo e abbiamo iniziato ad essere costruttivi. Sono state poste delle questioni e stiamo ragionando su due i filoni che devono procedere di pari passo. Il primo è un azzeramento delle nomine, per quello che riguarda la giunta e una rotazione per i dirigenti. Quindi – aggiunge Chiavetta – stiamo lavorando ad un documento politico, di stringente attualità, per individuare delle soluzioni e arrivare a risolvere in tempi certi i problemi più evidenti che abbiamo incontrato sul nostro percorso”. In sostanza, oltre al rinnovo delle cariche amministrative e della macchina organizzativa del comune, è allo studio un accordo politico sulle priorità da portare avanti per la città di Nettuno. “Dobbiamo uscire da questa situazione di immobilismo in tempi rapidi – ha aggiunto il Sindaco – stiamo lavorando a questo patto politico che sarà vincolante per tutti coloro che avranno contribuito a scriverlo e sottoscriverlo, così non ci saranno più scuse per ritardi e intoppi. Una volta raggiunto l’accordo e stilato il programma, sono certo che proseguiremo spediti sul nostro cammino. Non ci saranno più discussioni e polemiche, su ruoli, nomi, nomine e quant’altro, perché se così non fosse la prima casella a mancare sarei io”.