Home Politica Anzio – Biogas, Fassina interroga il Ministro all’Ambiente

Anzio – Biogas, Fassina interroga il Ministro all’Ambiente

469
Il responsabile economia del Pd, Stefano Fassina, nella sala stampa del Pd presso la Casa dell'Architettura di Roma, 25 febbraio 2013. ANSA / ETTORE FERRARI

Il deputato di Sinistra Italiana di Nettuno Stefano Fassina ha chiesto con un’interrogazione scritta al ministro per le politiche ambientali Galletti: se intenda tutelare la sicurezza ambientale e sanitaria dei cittadini in relazione alla prossima realizzazione di una centrale Biogas sul territorio comunale di Anzio. Ecco il testo dell’interrogazione.

” Si interroga per sapere – si legge – premesso che: nella zona di Anzio è prevista la costruzione di una centrale biogas in una zona contigua ad un quartiere residenziale; secondo il Comitato popolare «Anzio No Biogas», la realtà ambientale di Anzio e in particolar modo della zona padiglione Sacida è particolarmente complessa e la forte antropizzazione/ industrializzazione dell’area in esame complica ulteriormente la situazione; gli inquinanti emessi dalla centrale in questione inciderebbero pesantemente e negativamente sulla popolazione interessata e, in particolar modo, sui 350 bambini (di età compresa tra i 2 anni e mezzo e i 10 anni) della scuola dell’infanzia e della scuola primaria del plesso Sacida-Spalviera sita a soli 380 metri dal luogo ove sorgerà la centrale biogas; come definito dalla Corte europea: «Spetta alla politica stabilire il livello del rischio accettabile o non accettabile» e, ad ulteriore conferma, la Commissione europea scrive in una sua comunicazione sul principio di precauzione (COM 2002-1) «che la decisione è prettamente politica e non tecnica»; sempre in merito alla validità del ricorso al principio di precauzione il Consiglio di Stato (C.S. – Sez. IV, 11 novembre 2014, n. 5525) ha ribadito un principio fondamentale: «il richiamato principio di precauzione fa obbligo alle Autorità competenti di adottare provvedimenti appropriati al fine di prevenire i rischi potenziali per la sanità pubblica, per la sicurezza e per l’ambiente, ponendo una tutela anticipata rispetto alla fase dell’applicazione delle migliori tecniche proprie del principio di precauzione. L’applicazione del principio di precauzione comporta dunque che, ogni qual volta non siano conosciuti con certezza i rischi indotti da un’attività potenzialmente pericolosa, l’azione dei pubblici poteri debba tradursi in una prevenzione anticipata rispetto al consolidamento delle conoscenze scientifiche, anche nei casi in cui i danni siano poco conosciuti o solo potenziali»: se il Ministro intenda assumere iniziative normative per tutelare la sicurezza ambientale e sanitaria dei cittadini, anche alla luce degli obblighi derivanti dall’adesione all’Unione europea, con particolare riguardo ai requisiti e alle condizioni per la realizzazione di impianti per la produzione di energia”.