Home Politica Anzio – De Angelis: “Bernardone pensi a fare l’opposizione”

Anzio – De Angelis: “Bernardone pensi a fare l’opposizione”

959

Candido De Angelis torna sulla discussione che lo ha visto protagonista con il consigliere del Pd di Anzio Ivano a Bernardone. Un diverbio culminato con un’offesa (ma assolutamente non con una bestemmia, come riporta invece il comunicato di Bernardone) per cui l’ex Sindaco ha deciso di scusarsi con i cittadini. “Non si dovrebbe trascendere così – spiega – ma la questione a mio avviso resta gravissima. Per un pugno di voti si fanno illazioni su una donazione alla città che è un fatto grandioso. Un patrimonio e insieme un fiore all’occhiello per la nostra città che ne ha tratto negli anni solo vantaggi. Non mi stancherò mai di ringraziare i coniugi Cappelluti per aver regalato ad Anzio il Chris Cappell e per continuare ad investire ogni anno numerose risorse economiche per il suo sviluppo e mantenimento così come non posso non ringraziarli per la ristrutturazione della sede di via XXI Aprile per cui non è stato neanche risarcito. Fondi spesi con generosità e costanza e che vengono restituiti, in parte, con anni di ritardo. Mi chiedo come mai Bernardone non dica nulla sulla sede dell’Hotel Del Poggio che ospita l’Alberghiero, per cui la Provincia spende ogni anno un milione e 200mila euro solo di affitti, oppure per la sede dello Scientifico di via Ardeatina che costa 160mila euro l’anno. La verità è che il Pd ha vissuto un dono alla città come un dono al centrodestra mettendo in dubbio gli investimenti fatti come se qualcuno ci stesse lucrando sopra. E’ un fatto inammissibile. Questo – sottolinea ancora De Angelis – mentre si discute della riacquisizione del Paradiso sul mare, che è un fatto solo positivo per la città. Il Pd ci vuole fare un ristorante stellato con la scusa di una scuola di pasticceria e hanno la faccia di fare illazioni sul College. Dopo 8 anni di non opposizione a Bruschini che ha avuto anche il loro appoggio al ballottaggio, Bernardone conferma che sono io il loro punto debole e nemico giurato. Io – conclude – dopo tre anni dal voto, in cui ho perso per una manciata di voti, ancora mi chiedo dove ho sbagliato. Bernardone, che ha incassato il peggior risultato di sempre del Pd, senza arrivare neanche al ballottaggio, pensasse al suo risultato politico e alla figura che ha fatto e si concentri più su cosa vuol dire fare l’opposizione al Sindaco Bruschini e meno su di me che, lo ricordo a chi non se ne fosse accorto, sono all’opposizione”.