Home Politica Anzio e Nettuno – Piano freddo, volontari in azione

Anzio e Nettuno – Piano freddo, volontari in azione

337
Un clochard avvolto in una coperta su una panchina nel centro di Roma. ANSA / CLAUDIO ONORATI

Città futura si prepara all’emergenza freddo. “Avevamo fatto l’abitudine alle belle giornate ed al clima mite – fanno sapere dall’Associazione – ma puntuale, è stato annunciato l’arrivo sull’Italia di un’ondata di freddo e neve che porterà, nei prossimi giorni, un brusco calo della temperatura, che colpirà anche il Lazio. I volontari e simpatizzanti del Movimento cittadino Città Futura, in assenza di un “piano freddo” del Comune di Nettuno ed Anzio, monitoreranno nel prossimo fine settimana (durante le ore serali e notturne) la situazione nelle due città assistendo le persone senza fissa dimora mediante la distribuzione di coperte e bevande calde. “Città Futura ha a cuore la protezione e la cura dei disagiati e dei più deboli – sottolinea Gianluca Marcoccio, dirigente del Movimento – saremo presenti presso le stazioni e gli altri luoghi “di fortuna” usati per dormire (auto, baracche) in modo di dare a queste persone un’assistenza più vicina alla dignità umana e di mostrare, nel contempo, che anche chi vive dall’altra parte ha un cuore”. “Da quando è nata la nostra associazione – spiega il Presidente Danilo Conversi – stiamo lavorando per una città ispirata all’accoglienza, non all’emergenza. Chiediamo con fermezza una città che sappia far fronte al disagio e alla fragilità sociale”.

“Abbiamo anche scritto al Commissario Prefettizio di Nettuno e al sindaco Luciano Bruschini, dando la disponibilità di volontari per garantire l’assistenza nel periodo a seguire – conclude Giulio Verdolino, coordinatore del gruppo – ai numerosi volontari che hanno voluto aderire alla nostra iniziativa ho chiesto di percorrere ogni angolo della due città perché dobbiamo fare il massimo. Tra gli aderenti al nostro movimento ci sono numerosi appartenenti alle forze dell’ordine e militari, persone, quindi, abituate al sacrificio, preparate e capaci di assistere chi chiede un aiuto concreto”.