Home Politica Capo d’Anzio, D’Arpino va in Procura

Capo d’Anzio, D’Arpino va in Procura

657
Luigi D'Apino

La notizia della chiusa inchiesta legata ai lavori al Porto di Fiumicino, alla Regione Lazio e al danno erariale contestato che si aggira sui 550milioni di euro non manca di fare eco anche nel comune neroniano, dove a dire la sua sulla vicenda è il Presidente della Capo d’Anzio Luigi D’Arpino, chiamato a realizzare il nuovo bacino portuale locale. “Sono anni – dice D’Arpino – che sostengo che la Regione in un modo o nell’altro boicotti il progetto del Porto di Anzio in favore di quello di Fiumicino. Nel corso degli anni ci hanno fatto attendere per ogni genere di documentazione e iter, favorendo sempre prima l’altro approdo. Ad Anzio le concessioni sono state firmate con comodo, quando i posti di barca di Fiumicino erano già stati piazzati, oggi scopriamo che dietro c’erano interessi, anche politici, per muoversi in questa direzione”. Mentre le indagini su Fiumicino sono concluse e a breve l’esito verrà discusso nell’udienza preliminare per chiedere il rinvio a giudizio delle persone coinvolte, proprio il Presidente della Capo d’Anzio ha intenzione, nella mattinata di domani, di andare in procura a Velletri, per chiedere conto e chiarezza di alcuni atti rimasti lettera morta, nonostante i solleciti effettuati proprio dalla Capo d’Anzio per procedere nel mandato della Spa. “Ho raccolto una serie di documenti – spiega D’Arpino – che intendo sottoporre all’attenzione della Procura per chiare alcuni passaggi dell’iter in corso e per segnalare dei problemi che mi sembra stiano ostacolando il lavoro della società”. Intanto si resta in attesa dell’esito dei ricorsi presentato dalle cooperative degli ormeggiatori e dal circolo velico.