Home Politica Mancini e Sanetti: “Incarico sul verde al tempo del virus, vergogna”

Mancini e Sanetti: “Incarico sul verde al tempo del virus, vergogna”

275
Daniele Mancini e Simona Sanetti

Continuano gli attacchi polemici e durissimi dei consiglieri comunali di opposizione Daniele Mancini. Simona Sanetti all’Amministrazione di centrodestra a Nettuno ma anche alla Commissione Bilancio, composta anche da consiglieri di opposizione, che proprio oggi aveva risposto ad una precedente polemica dei due consiglieri sui pagamenti agli enti creditori del comune.

“10mia euro per un incarico esterno ai tempi del coronavirus – esordiscono i due consiglieri che aggiungono – Vergogna. Il 25.03.2020, in piena emergenza socio sanitaria ed economica, la priorità di questa maggioranza è stata quella di dare un incarico in somma urgenza per la redazione dell’elenco delle aree a verde.
Continua la nostra battaglia contro le spesa incontrollata degli incarichi esterni a tecnici e professionisti. Non li ferma neanche la situazione drammatica in cui versa la Città.
Ora diteci anche che siamo sciacalli e polemici ma queste cose non le abbiamo ne avremmo mai fatte, a maggior ragione in situazioni come questa. Siamo sbalorditi che queste cose le vediamo e le denunciamo soltanto noi.
L’unità auspicata da tutti non può essere ne complicità ne omertà.
Assistiamo oggi addirittura ad un comunicato congiunto della commissione bilancio (follia amministrativa, le commissioni non fanno comunicati), più preoccupata di replicare a noi con il nulla su chi saranno i beneficiari dei 500 mila euro deliberati dalla giunta, che definire le priorità politiche della gestione dei soldi pubblici.
Ora rispondere ai cittadini che la responsabilità è dei dirigenti e che è tutto legale anche se inopportuno (per noi immorale e vergognoso).
Ma scusate se la responsabilità delle scelte è sempre di qualcun altro ma voi, Sindaco, assessori, consiglieri di maggioranza e dell’opposizione nobile, che cosa ci state a fare?! Abbiamo una sola risposta a questa domanda è che evidentemente avete molti interessi in comune, e non corrisponde al bene dei cittadini.
E poi 600 euro per la grafica delle locandine per informazioni inerenti l’emergenza coronavirus?! Vi ricordiamo che avete una convenzione già pagata con una tipografia locale. Noi lottiamo per i cittadini e ci auguriamo che capiscano che questo è il costo sociale dell’esito del voto di giugno 2019. Forse ha ragione il sindaco nel video odierno sulle ordinanze: “come è costume di tutti noi cerchiamo sempre di raggirare una norma”.
Sindaco parli per altri ma non per noi”.