Home Cultura e Spettacolo “Ambizione Italia”, l’App degli studenti della Loi arriva a Milano

“Ambizione Italia”, l’App degli studenti della Loi arriva a Milano

Si apre all'insegna dei progetti di eccellenza il nuovo l'anno scolastico all'Itsset, Cat e da quest'anno anche Grafica e Comunicazione, "Emanuela Loi" di Nettuno.

274

di Mirko Piersanti

Si apre all’insegna dei progetti di eccellenza il nuovo l’anno scolastico all‘Itsset, Cat e da quest’anno anche Grafica e Comunicazione, “Emanuela Loi” di Nettuno. Infatti nell’ambito dei progetti di Alternanza Scuola Lavoro, un team di due studenti e due studentesse è stato invitato a Milano da Microsoft Italia e Fondazione Mondo Digitale, partner dell’Istituto di Nettuno per Alternanza Scuola Lavoro, in occasione dell’evento di lancio di “Ambizione Italia“. Quest’ultimo è un progetto di ecosistema che ha l’obiettivo di accelerare la trasformazione digitale in Italia, facendo leva sulle opportunità offerte dall’intelligenza artificiale e sulla formazione avanzata. “E’ stata un’ esperienza importante – hanno affermato Giovanni Bica della V A Sistemi Informativi Aziendali, Sara De Santis, Claudia Landolfo e Luca Paparella della VB SIA – perchè ci ha permesso di partecipare ad un evento a cui hanno presenziato manager di grandi aziende, e nel quale abbiamo presentato un progetto di eccellenza di Alternanza Scuola Lavoro del nostro Istituto. Ci hanno anche intervistato! E l’evento è stato aperto da un filmato le cui prime immagini erano le nostre, girate tra il Borgo medievale e il centro di Nettuno. Così abbiamo presentato anche la città”. Molto soddisfatti i due accompagnatori, la tutor di progetto Maria Elena Brachetti e l’animatore digitale d’Istituto Stefano Cristofani che, oltre al lavoro didattico e informatico profuso, hanno accompagnato i ragazzi a Milano. “Gli studenti dell’istituto nettunese Emanuela Loi – ha dichiarato Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale – sono stati invitati ad Ambizione Italia per presentare con altre due scuole, una di Campobasso e l’altra di Tivoli, tre progetti che si sono già distinti per portata innovativa. Gli studenti di Nettuno hanno sviluppato un’applicazione per facilitare la partecipazione attiva dei cittadini, anche disabili, alle attività e ai servizi promossi dal Comune e con le macchine a controllo numerico hanno prototipato un totem informativo da usare con i dispositivi mobili”. Progetto già presentato a scuola con il programma ASL Eskills4Change, e che si è classificato al primo posto in un concorso provinciale PNSD MIUR. “Siamo stati la prima scuola in Italia ad ospitare, a giugno, un Creativity Jam in partnership con Microsoft e Fondazione Mondo Digitale – ha detto soddisfatto la dirigente Scolastica dell’istituto nettunese Antonella Mosca- competizione entusiasmante per i vari team di studenti e studentesse che si sono sfidati nella creazione e nella gestione economico finanziaria di una start up. La qualificata giuria ha riconosciuto l’alto livello delle idee e dei progetti proposti dai ragazzi e dalle ragazze, per non parlare dell’apprezzamento dei genitori degli studenti, presenti alle premiazioni. E all’inizio di questo anno scolastico è arrivato l’invito a Milano, che ha rafforzato la motivazione a lavorare sull’eccellenza. Ovviamente un obiettivo da cogliere a largo raggio, in tutte le attività didattiche, grazie alla professionalità dei docenti e di tutto il personale scolastico”.