Home Cronaca Nettuno Nettuno – Assicurazione scaduta, i Vigili urbani restano a piedi

Nettuno – Assicurazione scaduta, i Vigili urbani restano a piedi

605

E’ da qualche giorno che il personale della Polizia municipale di Nettuno ha una “mobilità limitata”. Dal 31 gennaio, infatti, sono scadute le assicurazioni di sei delle otto vetture a disposizione dei Vigili urbani che ieri mattina hanno raggiunto a piedi il Parco Palatucci in via Lombardia, per partecipare e presidiare le cerimonie di commemorazione organizzate per ricordare i drammatici eventi della Shoah e nei giorni precedenti si sono dovuti arrangiare nei servizi di controllo del territorio alternandosi su due sole vetture disponibili. Il disagio è stato prontamente segnalato all’Amministrazione che, solo venerdì, è riuscita ad intervenire per dare una svolta alla vicenda. Una situazione che ha dell’incredibile e che è legata – ci dicono dagli uffici – ad una serie di disagi che si sono venuti a creare a causa della Banca a cui si appoggia l’amministrazione comunale per i pagamenti dell’Ente. Infatti l’Istituto di credito a cui fa riferimento il Comune di Nettuno, attualmente, è commissariato. I dirigenti comunali hanno effettuato per tempo i mandati di pagamento ma si sono accumulati dei ritardi (parliamo di un periodo di circa due settimane) a causa di una serie di assemblee del personale della banca che hanno fatto slittare i bonifici e creato una serie di disservizi in città. Le auto della polizia municipale, tra l’altro, sono state acquistate in leasing e l’assicurazione è compresa nel pagamento (sempre se si sia regolari nel pagare le rate del contratto). “I bonifici del leasing sono stati pagati lo scorso venerdì – ci dicono dagli uffici – siamo sempre puntuali e siamo rimasti sorpresi tutti dei disagi causati da questi ritardi della Banca che hanno riguardato anche i dipendenti dell’Ipi e di altre cooperative. Siamo attenti e puntuali quando dai mandati di pagamento dipendono gli stipendi delle persone e i servizi, ci scusiamo per il disagio che è stato causato ma ci teniamo a sottolineare che non è dipeso da noi”.