Home Cronaca Nettuno Nettuno – Interrogazione dei Cinque stelle per commissariale il comune

Nettuno – Interrogazione dei Cinque stelle per commissariale il comune

483
Il Comune di Nettuno
Il Comune di Nettuno

E’ stata presentata alla Camera dalla deputata del Movimento 5 Stelle Roberta Lombardi un’interrogazione parlamentare a risposta con la richiesta di scioglimento del comune di Nettuno. Nell’interrogazione, rivolta al Ministro dell’Interno ed al Ministro dell’Economia e Finanze, la Lombardi spiega che, a suo dire  “in comune continuano ad operare soggetti collegati a organizzazioni criminali, e l’amministrazione comunale tiene condotte che paiono all’interrogante non perseguire l’interesse pubblico”.

La deputata grillina cita, nel documento, le parole del sindaco Alessio Chiavetta pronunciate “durante l’audizione svoltasi presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle intimidazioni agli amministratori locali: lì il sindaco di Nettuno ha riferito dell’azione portata avanti da un noto personaggio locale, indicato come «collegato» al clan ‘ndranghetista Gallace-Novella, a danno dell’amministrazione. Peraltro, proprio lo scorso 21 novembre, lo stesso personaggio, a conferma dei mezzi violenti con cui agisce, è stato protagonista di un fatto di cronaca riportato dalle testate locali, secondo cui, insieme ad un consigliere comunale, si sarebbe introdotto in una scuola, aggredendo la dirigente”. La Lombardi cita inoltre le situazioni giudiziarie in sospeso della giunta, dalle accuse di falso in bilancio per il sindaco e per il dirigente dell’Area economico finanziaria Gianluca Faraone e la condanna in primo grado della Corte dei Conti con la richiesta di risarcimento per danno erariale per 47mila euro. “Chiedo – interroga la Lombardi – quali iniziative i Ministri interrogati ritengano opportuno prendere con riferimenti all’operato del sindaco di Nettuno e della giunta, in particolare se, alla luce di quanto descritto in premessa, non ritengano di valutare la sussistenza dei presupposti per lo scioglimento del comune ai sensi dell’articolo 141 del testo unico sull’ordinamento degli enti locali e se non ritengano necessaria un’ispezione per il tramite dei servizi ispettivi di finanza pubblica, per verificare gli attuali equilibri finanziari del comune alla luce di quanto indicato in premessa”.