Home Cronaca Anzio Anzio – Entro aprile differenziata in centro e pene severe

Anzio – Entro aprile differenziata in centro e pene severe

481

Entro la fine del mese di aprile l’amministrazione comunale di Anzio ha annunciato che completare il servizio di raccolta differenziata anche nel centro cittadino arrivando in questo modo a coprire praticamente la totalità del territorio. “Entro la fine di marzo – ha detto l’assessore all’ambiente di Anzio – completeremo la consegna dei kit al centro di Anzio ed entro fine aprile partiremo con la raccolta differenziata”. Il centro sarà praticamente diviso in due zone (vedi foto). La linea di demarcazione sarà quella contrassegnata da via Gramsci – via Matteotti – Via del Faro – via Fanciulla d’Anzio. Nella parte “nord” verranno consegnati i kit per la differenziata come nelle altre zone di Anzio. Nella parte “sud”, quella per intenderci che va dal vecchio comune al porto, invece verrà installate a carico della nuova ditta che gestisce il servizio rifiuti cinque contenitori in cui i cittadini potranno scaricare utilizzando la propria tessera sanitaria.

Giro di vite anche nei confronti delle attività gastronomiche che dovranno comunicare in media quanti rifiuti producono al giorno e per i quali verrà istituito un servizio ad hoc per ogni ristoratore della città. “Non possiamo andare avanti cos’ – ha dichiarato Placidi – con tonnellate di rifiuti in strada ad ogni ora del giorno. Chi non rispetterà le nuove regole rischierà anche la revoca della licenza”.

Contestualmente verrà anche potenziato il servizio degli ispettori ambientale e mano mano verrà istallato il servizio di video sorveglianza che farà capo alla polizia municipale. Si punta ad avere oltre 100 telecamere in tutto il territorio per prevenire il problema delle discariche abusive e punire i trasgressori. “Faremo di tutto per combattere il fenomeno – ha concluso Placidi – non è possibile che i cittadini di Anzio debbano pagare i rifiuti di evasori che non hanno voluto registrarsi al momento della consegna dei kit e di altri che vengono a scaricare da comuni limitrofi annullando praticamente il risparmio della differenziata”