Home Cronaca Anzio Anzio – Fdi-An davanti all’Hotel Succi contro i nuovi migranti

Anzio – Fdi-An davanti all’Hotel Succi contro i nuovi migranti

817

A seguito della notizia dell’invio ad Anzio di nuovi richiedenti asilo che, probabilmente alloggeranno presso l’Hotel Succi, Il partito Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Anzio ha deciso di organizzare proprio a Lido delle Sirene un presidio di protesta in cui verrà allestita anche una raccolta firme contro l’arrivo di nuovi migranti per il giorno del 9 maggio prossimo a partire dalle ore 10,30.
“Esprimiamo il nostro dissenso verso – fanno sapere dal partito – questa imposizione che condanna nuovamente i cittadini di Anzio a pagare lo scotto dell’incapacità e della mancaza di autorevolezza di questa Amministrazione, cui il Prefetto, pochi giorni fà, aveva assicurato che non sarebbero stati inviati ad Anzio altri richiedenti asilo. L’ulteriore apertura di un centro di accoglienza, dopo quello di via dell’Armellino, che ha già aggravato una situazione territoriale notevolmente compromessa, inciderà non soltanto su un problema di sicurezza per una città che patisce un sottodimensionamento tra forze di Polizia e Comando dei Vigili Urbani di almeno il 40%, ma arrecherà un evidente pregiudizio sotto il profilo turistico ed economico, considerato che la struttura si colloca proprio a ridosso di numerosi stabilimenti balneari ed in un quartiere a con forte presenza turistica – proseguono da Fdi-An – Portiamo avanti la battaglia del movimento di Giorgia Meloni per manifestare la contrarietà alle politiche di accoglienza delle nostre Istituzioni che, anziché regolamentare l’afflusso degli immigrati tenendo conto del territorio, della sua capacità di offrire opportunità e della grave situazione di crisi in cui versano molti nostri connazionali, alimenta una immigrazione incontrollata, vendendo false illusioni e creando una evidente disparità di trattamento tra gli immigrati e gli italiani. Basta con la falsa solidarietà di Renzi, Alfano e compagnia, Anzio ha già dato. L’Italia pure”.