Home Cronaca Nettuno – I commercianti pronti a scendere di nuovo in piazza

Nettuno – I commercianti pronti a scendere di nuovo in piazza

353

La manifestazione di piazza dello scorso mese di dicembre, organizzata dai commercianti di Nettuno (che a dirla tutta hanno aderito in minima parte) sembrava aver portato ad un momento di disgelo tra i rappresentati della categoria, guidati dal negoziante di via Romana Salvo Grimaudo e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Alessio Chiavetta. Ma la “pace” è durata davvero poco. Dopo due incontri in comune in cui si era discusso di proposte e possibili soluzioni, la situazione è tornata al punto di partenza, tanto che i commercianti, oltre ad annunciare una nuova manifestazione, da organizzare nei prossimi giorni, hanno ripreso la guerra con l’amministrazione, per “riuscire a cercare di capire quali sono le intenzioni della giunta e del sindaco sul cantiere di piazzale Berlinguer, i cui lavori sono fermi da due anni”. “E’ arrivato il momento di fare chiarezza sulla questione piazzale Berlinguer – dice Slavo Grimaudo – Noi commercianti abbiamo chiesto più volte notizie sulla nostra proposta alternativa al parcheggio, ovvero lo spazio delle ferrovie. Vogliamo risposte concrete, e fatti non chiacchiere. Noi non facciamo solo critiche, abbiamo proposto alternative, ma ancora non vediamo i fatti. Sono passati due mesi e più dal nostro primo incontro, e nulla è cambiato”. Intanto anche i cittadini si organizzano e proprio oggi è nato su Facebook il gruppo “Rivogliamo il parcheggio di piazzale Berlinguer”. Quello che i cittadini chiedono a gran è di trovare, nell’immediato, una soluzione al problema. “Ora basta – chiariscono sul social network i residenti – scendiamo tutti in piazza con Salvo”, riferendosi proprio all’organizzatore della manifestazione dei commercianti Salvo Grimaudo. Il rischio per l’amministrazione Chiavetta è che il nuovo corteo possa essere decisamente più frequentato di quello dell’ultima volta, a cui avevano preso parte solo una trentina di commercianti.