Home Cronaca Il Comune di Nettuno si costituisce in giudizio contro il Dirigente Faraone

Il Comune di Nettuno si costituisce in giudizio contro il Dirigente Faraone

Il Comune di Nettuno nella persona del Dirigente Area Amministrativa Luigi D’Aprano, ha sottoscritto con l'avvocato Antonino Galletti,

1420
Il Comune di Nettuno

Il Comune di Nettuno nella persona del Dirigente Area Amministrativa Luigi D’Aprano, ha sottoscritto con l’avvocato Antonino Galletti, un “disciplinare per il conferimento di incarico legale” per la decisione della Giunta Comunale che ha deliberato di costituirsi parte civile nel Procedimento Penale, nei confronti del dottor Gianluca Faraone dinanzi al Tribunale di Velletri per il processo relativo all’accusa di falso, legata al parere favorevole del dirigente alla sua nomina a Direttore generale dell’Ente.

Negli articoli del disciplinare si legge che “A tal fine (la costituzione di parte civile), il Sindaco rilascia apposita e formale procura speciale”. L’incarico comprende oltre alla difesa tecnica anche ogni assistenza di carattere legale in ordine alla questione dedotta in giudizio, di talchè l’Amministrazione potrà richiedere all’avvocato incaricato delucidazioni scritte, pareri tecnici in ordine alla opportunità di e/o proseguire il giudizio, di addivenire a transazioni. Tale complessa attività di assistenza comunque collegata all’attività defensionale, non darà luogo a compenso ulteriore oltre quello previsto per l’incarico principale. L’avvocato incaricato dichiara formalmente di impegnarsi ad esercitare il mandato con il massimo zelo e scrupolo professionale, nel pieno del rispetto delle norme di legge e delle disposizioni deontologiche che regolano la professione.

Ma su questa determina c’è già chi storce il naso. A quanto pare infatti, la prossima udienza davanti al Gup (quando si decide se andare a giudizio, oppure no) è fissata a gennaio 2018, data in cui sarà ampiamente scattata la prescrizione per il reato contestato. Arrivare a sentenza, sembra quindi un’utopia. Inoltre c’è chi è pronto a far rilevare la decisione di incaricare un legale, già a contratto con il Comune, per il ruolo specifico contro il Dirigente, quando in un precedente processo, vertente sugli stessi fatti, lo stesso avvocato era stato incaricato di costituirsi parte civile, senza apposito atto ma comprendendo tale attività nella già stabilita convenzione con il legale stesso, già sotto contratto con il Comune.