Home Cronaca Anzio, Neonata venduta per 20mila euro. Ai domiciliari la madre di origine...

Anzio, Neonata venduta per 20mila euro. Ai domiciliari la madre di origine rumena

Agli arresti anche un marocchino e una donna di Latina che ha "comprato" la bambina dopo aver finto per mesi una gravidanza con una finta panciera

10899

Una donna di origine rumena, N.T. di 25 anni, è finita agli arresti domiciliari insieme ad altre due persone per aver venduto la propria figlia appena nata per una cifra intorno ai 20mila euro. La piccola era venuta alla luce all’ospedale di Anzio, con la madre che non ha voluto riconoscerla. Per tre giorni la piccola è rimasta in ospedale, con la madre che è poi tornato insieme ad un marocchino, I. B. classe ’69, per riportarla a casa dopo il riconoscimento da parte dell’uomo, sconsigliato alla donna dal personale dell’ospedale, insospettito dalla vicenda. Alla fine la bambina è stata venduta ad una donna di Borgo Podogora, F.Z. classe 1981, per la cifra di 20mila. La donna, già madre di un figlio, con il marito agli arresti per reati legati alla droga, da mesi simulava una gravidanza con una finta panciera e dopo aver tenuto la bambina per tre giorni l’ha riconsegnata alla madre naturale.

Gli agenti della Polizia di Stato, dopo vari sopralluogi hanno rintracciato la bambina a Tor Vergata ed hanno trovato ad Anzio la romena, che ha collaborato alle indagini per ricostruire quanto accaduto. In quel momento, però, la piccola non era con sé perché era stata data al padre naturale, richiedente asilo del Mali, che la teneva con sé in un quartiere degradato in una casa con altri quattro uomini nella sua stessa condizione. La neonata è stata portata in una casa famiglia in attesa di adozione.