Home Cronaca Quinta scossa di terremoto ai Castelli romani

Quinta scossa di terremoto ai Castelli romani

4210

Quinta scossa di terremoto in circa 20 ore nella zona dei Castelli romani. Alle prime quattro scosse verificatesi tra le 3 e le 7,33 di ieri mattina, con magnitudo massima di 2.5, se n’è aggiunta una quinta ieri sera alle 21,48, con magnitudo di 2.4 ed identico epicentro, tra i due laghi dei Castelli romani (Castelgandolfo e Nemi) e nel territorio comunale di Ariccia.

Anche in questo caso la profondità della scossa è stata stimata in 10 chilometri: come nelle precedenti occasioni la scossa è stata lievemente percepita dai residenti e non ha provocato danni. Molti parlano di un possibile legame delle scosse con i segni di risveglio che inizia a dare il cosiddetto Vulcano Laziale, attorno al quale si sviluppa la zona dei Castelli Romani.

Quella dei Colli Albani è l’area vulcanica alle porte di Roma costituita dalla caldera e dai coni interni di un vulcano in stato di quiete da tempo immemorabile. Si tratta appunto del Vulcano Laziale, che ora inizia a dare segni di nuova attività, come rilevato da uno studio scientifico interdisciplinare condotto da Fabrizio Marra dell’INGV.

I Colli Albani sono monitorati da tempo e gli elementi emersi dalle ricerche sembrano tutti convergere nell’indicazione che l’area vulcanica è attiva e che a diversi chilometri di profondità si sta accumulando nuovo magma che rappresenta l’inizio di un nuovo ciclo eruttivo.