Home Cronaca LUTTO CITTADINO A NETTUNO

LUTTO CITTADINO A NETTUNO

1564

“È stato proclamato per le giornate di giovedì 25 e venerdì 26 agosto 2016 il lutto cittadino a Nettuno” si legge in una nota stampa del comune a seguito della morte del poliziotto nettunese Ezio Tulli e dei suoi due bambini, e di un’altra coppia, Fabio Graziani e Aurelia Daogaru, durante il sisma di Amatrice.

“Ieri, a seguito del tragico terremoto che ha colpito l’alto Lazio, le Marche e l’Umbria sono venuti a mancare prematuramente alcuni nostri concittadini, tra cui anche due giovanissimi. Il Sindaco Angelo Casto, la Giunta, il Consiglio Comunale e l’intera cittadinanza si stringono forte intorno al dolore dei familiari. Per questo motivo le bandiere resteranno a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici“.

IMG_0395La macchina della solidarietà di Anzio e Nettuno si è subito mossa per portare il proprio conforto alle popolazioni colpite come testimonia la campagna di raccolta sangue che è andata ben oltre le aspettative. Purtroppo però alcuni balordi e disonesti non si sono lasciati sfuggire l’occasione per approfittare della generosità delle persone ad aiutare i terremotati.

In un altro comunicato infatti si ricordano i due punti in città per conferire generi di prima necessità spiegando che nessuno è autorizzato dal comune a ritirare beni “porta a porta”: “Il Sindaco Angelo Casto invita la cittadinanza a diffidare di persone che si presentano a domicilio per eventuali raccolte “porta a porta” in favore dei paesi colpiti dal terremoto del 24 agosto; ribadisce che sono stati individuati appositi siti: piazza Cesare Battisti – in Nettuno centro – e per la periferia, in località Tre Cancelli / via Santa Maria Goretti.

Il Comune di Nettuno segue con attenzione l’evolversi degli eventi ed è vicino a quanti hanno perso gli affetti più cari, ma è in simili occasioni che attraverso la macchina della solidarietà e l’unione delle forze locali si può tendere una mano alle popolazioni in difficoltà“.

(di Daniele Mancin)