Home Cronaca Roma – Lampedusa volo infinito, l’inferno di una coppia di Nettuno

Roma – Lampedusa volo infinito, l’inferno di una coppia di Nettuno

5088
KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

La Vueling colpisce ancora. La compagnia aerea low cost spagnola torna ancora una volta agli onori della cronaca per i suoi disagi e ritardi. Dopo i casi di Firenze, Olbia, Fiumicino e Palermo negli ultimi due mesi che hanno registrato ritardi anche di 24 ore spingendo anche il ministro dei Trasporti spagnolo a minacciare il ritiro della licenza di volo, stavolta è toccato a Lampedusa. Tra i 200 passeggeri a bordo ieri anche una coppia di Nettuno. Dopo essere partiti dal litorale intorno alle 15,30 per prendere il volo VY6470 da Roma Fiumicino diretto a Lampedusa  delle 18,55, si sono visti posticipare di un’ora (un ritardo tutto sommato sopportabile) la partenza. Alle 20 il decollo dalla Capitale ed è qui che iniziano i veri problemi. Dopo poco meno di un’ora l’aereo giunge a Lampedusa, ma non atterra. “Stavamo per atterrare a Lampedusa – raccontano Antonio e Franca – quando il volo, invece, procede verso Malta perché a quanto pare c’era un vento di 20 nodi che non avrebbe permesso l’atterraggio, anche se alcuni nostri amici ci hanno detto che sull’isola ieri sera non tirava un filo di vento”.

Scrupolo a parte del pilota è quello che succede dopo che ha fatto infuriare i 200 passeggeri a bordo. Il volo prosegue verso Malta dove atterra. Il veivolo resta sulla pista dalle 21,30 alle 23,30. “Eravamo 200 persone a bordo senza poter scendere senza che ci fosse fornita acqua anche se a bordo c’erano molti bambini – proseguono Antonio e Franca – oltre alla sindaca di Lampedusa e al cantante Claudio Baglioni. Il personale sembrava completamente nel pallone e ci ha comunicato che ci avrebbero riportato a Roma. Poi pare siano arrivate delle indicazioni dalla Spagna ed hanno proceduto con il rifornimento di carburante senza che ci abbiano fatto scendere. Alla fine hanno deciso di atterrare a Lampedusa alle 24. Esprimo il mio totale sdegno verso la Vueling che non dovrebbe essere ammessa ai voli, anzi dovrebbe cambiare tipologia di lavoro. Il mio consiglio è di non affidarsi alla Vueling se volete evitare vacanze da panico”.