Home Cronaca Incendio sulla Via Acciarella, i residenti: “Prevedibile, nessuno ci ascolta”

Incendio sulla Via Acciarella, i residenti: “Prevedibile, nessuno ci ascolta”

E' una devastazione quella causata dalle fiamme in queste ore (l'intervento è ancora in corso) nella zona di Via Acciarella, tra via Patrica

2088

E’ una devastazione quella causata dalle fiamme in queste ore (l’intervento è ancora in corso) nella zona di Via Acciarella, tra via Patrica e via delle Grugnole. Un vasto incendio si è sviluppato dai terreni incolti e mai puliti ed è arrivato fino al Bosco di Foglino.
Fiamme altissime, fumo e l’invito ai residenti a lasciare le case per l’aria irrespirabile. Tanta la rabbia dei cittadini che vivono in zona e che da tempo chiedevano, con lettere e solleciti, sia all’Università agraria che al Comune, di imporre la pulizia delle aree. A peggiorare la situazione il forte vento che continua a far crescere il fronte del rogo.
Sul posto, chiamati dai residenti e accorsi con urgenza, i Vigili del fuoc, la Protezione civile, la polizia e un’ambulanza per ogni possibile emergenza.
“Le fiamme – spiega una residente esasperata – si sono fatte strada su terreni incolti e mal tenuti, verso il bosco in una zona in cui l’accesso da tempo era impraticabile. I residenti più volte si sono rivolti all’Università agraria per segnalare l’incuria dei campi limitrofi e della strada totalmente abbandonata a se stessa ed impraticabile in inverno per il fango e d’estate per i rovi. Oggi, dopo oltre un’ora dall’inizio dell’intervento dei pompieri ancora non si spengono le fiamme e anzi hanno dovuto chiedere l’aiuto degli elicotteri”.
“Anche il comune è stato informato della situazione – spiega un altro residenti, con la casa invasa dal fumo, la cui rabbia è evidente – con varie lettere protocollate. Ma nessuno ci ha ascoltato e oggi ci ritroviamo con le case invase dal fumo, in una situazione di pericolo e con parte del bosco appare devastato dal fuoco”.
“Ci siamo davvero spaventati – racconta una terza persona – all’inizio con il fumo non riuscivamo a contattare i vicini, non si vedeva nulla, meno male che i Vigili del fuoco si sono accertati che tutti fossero allontanati dalle abitazioni. Mi chiedo se dopo questa tragedia sfiorata, visto che qui tutte le abitazioni hanno i bomboloni di gas GPL l’Agraria e il Comune si decideranno finalmente ad intervenire per mettere in sicurezza l’area e imporre la cura del verde per la sicurezza e il decoro”. Intanto l’intervento di spegnimento è ancora in corso. La colonna di fumo che si leva dal Bosco è visibilissima fino all entro cittadino.