Home Attualità Libertà di stampa, l’Italia arretra di 24 posizioni

Libertà di stampa, l’Italia arretra di 24 posizioni

423

Nell’annuale rapporto di Reporter senza frontiere si registra una “regressione brutale” della libertà nel mondo a causa dell’aumento delle aree di guerra. La graduatoria vede ai primi posti Finlandia, Norvegia e Svezia. Il Paese più pericoloso per i giornalisti è l’Eritrea mentre l’Italia, già in pessima posizione, arretra di 24 posizioni (passiamo dal 49esimo posto al 73esimo posto) a causa, tra le altre cose, dell’aumento delle minacce mafiose e delle cause per diffamazione ingiustificate.

In Italia nei primi dieci mesi del 2014 si sono verificati 43 casi di aggressione fisica e sette casi di incendio doloso a case o auto di giornalisti. I processi per diffamazione “ingiustificati”, secondo i dati Rsf raccolti dall’associazione “Ossigeno per l’informazione” che da anni registra notizie sui giornalisti minacciati in Italia, sono aumentati da 84 nel 2013 a 129 nei primi dieci mesi del 2014. Stupisce che in graduatoria il nostro Paese sia superato anche da Paesi come l’Ungheria del discusso premier Orban (65esimo posto) o come Burkina Faso e Niger (46esimo e 47esimo posto). Peggio dell’Italia in Europa è riuscita a fare solo Andorra, caduta in un anno di 27 posizioni a causa delle difficoltà incontrate dai giornalisti nel raccontare le attività delle banche del piccolo Paese tra Francia e Spagna.

L’indicatore globale annuale, che misura il livello delle violazioni della libertà di informazione, è arrivato a 3719 punti, quasi l’8% in più rispetto al 2014 e il 10% in più se paragonato al 2013. Il peggioramento più grave riguarda l’Unione europea e i Balcani.

“L’interferenza sui media da parte dei governi – si legge nel rapporto – è una realtà in molti Paesi dell’Unione europea. Ciò è dovuto alla concentrazione della proprietà dei mezzi di informazione in poche mani e nell’assenza di trasparenza sui proprietari”. Inoltre “la Ue non ha regole sulla distribuzione degli aiuti di Stato ai media”.

Nel rapporto si parla del controllo dei mezzi di informazione che nelle aree di conflitto è diventato un vero e proprio strumento di guerra: in particolare lo Stato islamico sta usando i media come uno strumento di propaganda e di reclutamento. L’Is controlla cinque stazioni televisive a Mosul in Iraq e due nella provincia siriana di Raqqa.