Home Attualità Nettuno, il ricordo della città agli eroi della Liberazione

Nettuno, il ricordo della città agli eroi della Liberazione

Sono iniziate alle 10 questa mattina a Nettuno le cerimonie per la festa della Liberazione, Deposte corone di fiori alle lapidi dedicate alla resistenza

1096

Sono iniziate alle 10 questa mattina a Nettuno le cerimonie per la festa della Liberazione. Il sindaco di Nettuno Angelo Casto, scortato da una delegazione in alta uniforme della Polizia Locale, tra cui il comandante Antonio Arancio, ha percorso a piedi il tratto di strada che da via della Vittoria arriva fino a piazza Battisti, facendo tappa su tutte le lapidi dedicate agli eroi della resistenza e della Liberazione. Il primo cittadino, sotto ogni lapide, si è fermato per il tradizionale saluto e la deposizione rituale corona di fiori. L’ultima tappa è stata sotto al Palazzo comunale davanti alla lapide all’ingresso del municipio. Quindi le associazioni combattentistiche e i vertici militari del territorio si sono radunati a piazza Battisti. In prima fila, insieme al primo cittadino di Nettuno e al comandante Arancio, il dirigente del commissariato di polizia di Anzio e Nettuno Adele Picariello, il comandante della Stazione dei Carabinieri di Nettuno il luogotenente Vito D’Angelis, il comandante della Guardia di Finanza di Nettuno Massimiliano Lalli e il comandante della capitaneria di Porto di Anzio Alessandro Cingolani. Tutti hanno preso parte alle celebrazioni e ascoltato il lungo discorso del sindaco Angelo Casto che ha ricordato i valori della Liberazione dell’unità, non senza citare, tra le righe, l’importanza di essere uniti, di fatti rimarcando che per la prima volta dopo tanti anni le città di Nettuno ed Anzio hanno svolto celebrazioni separate.