Home Attualità Nettuno – Un mezzo per trasportare la Santa Bambina, ecco il dono...

Nettuno – Un mezzo per trasportare la Santa Bambina, ecco il dono della Bcc

1150

E’ un rapporto che ha radici lontane nel tempo quello tra la Banca di credito Cooperativo di Nettuno (Bcc) e Santa Maria Goretti. Tra i soci fondatori dell’Istituto di credito nettunese – come ha spiegato nella sua introduzione la Direttrice Alessandra Fiorilli – anche l’Arciprete di Nettuno, Monsignor Temistocle Signori, colui che confessò Maria Goretti accoltellata a morte dopo un tentativo di stupro e raccolse le sue ultime parole che sono poi il suo testamento spirituale. Il perdono di Marietta, Santa Bambina, ha commosso migliaia di persone in tutto il mondo che oggi chiede a gran voce di poter venerare il corpo della piccola Santa, simbolo di forza e purezza. Da qui la donazione, ufficializzata questa mattina al Santuario, del pulmino che potrà trasportare il corpo di Marietta nei viaggi a cui è destinata, in tutta sicurezza.

A salire sul palco per illustrare le ragioni di questa donazione è stato Luciano Eufemi, presidente della Banca di Credito Coperativo di Nettuno che ha voluto ringraziare tutti e sottolineare quanto sarà importate per la città portare con facilità in trasferta l’urna della Santa che porta in giro per il mondo il nome di Nettuno. “Abbiamo accolto con piacere la richiesta di don Antonio di ricevere in dono un pulmino per i pellegrinaggi della Santa – ha detto – l’immagine sacra di Maria Goretti e il simbolo della BCC sul mezzo saranno anche l’occasione per farci conoscere e portare in giro per le città la Santa del paese a cui siamo molto affezionati”. Successivamente ha detto la sua il sindaco di Nettuno Angelo Casto. “Gesti di donazione di questo genere – ha detto il Sindaco – sono di gran valore e un importante esempio di interesse nei confronti della cultura della città”. Poi la poesia dedicata a Marietta declamata da Giacomo Antognarelli, poeta nostrano interessato alle tradizioni nettunesi, anche quelle religiose. La mattinata si è conclusa con la benedizione del mezzo da parte di don Antonio e una preghiera con tutti i fedeli che hanno voluto prendere parte all’evento.