Home Attualità Circolo Nettunia Fratelli d’Italia: “Dire no a nuovi migranti”

Circolo Nettunia Fratelli d’Italia: “Dire no a nuovi migranti”

828
Ancora una presa di posizione netta da movimenti e partiti del territorio sulla questione del possibile arrivo di nuovi migranti a Nettuno, e più precisamente in zona Verdiana, nel quartiere Tre Cancelli. A esprimersi stavolta è il circolo Nettunia Fratelli d’Italia, che parla senza mezzi termini di buisness dell’immigrazione e chiede un consiglio comunale aperto per discutere la questione:
“Il business dell’accoglienza – spiega Danilo Conversi, portavoce del Circolo Nettunia di Fratelli d’Italia – ‘rende’ e continua a sprecare risorse dei cittadini: la Prefettura di Roma ha da poco integrato i bandi per l’accoglienza di altri 3253 migranti da dislocare sul territorio della provincia di Roma, Nettuno compreso. Possibile che un comune non possa essere sovrano sul proprio territorio? È assurdo, la nostra cittadina è già invasa da stranieri ospiti a nostre spese nei centri d’accoglienza. I cittadini avvertono sempre più un senso di insicurezza, e le strade in alcune zone sono diventate fonte di pericolo sia per gli automobilisti sia per gli immigrati stessi, che le percorrono anche di notte senza le dovute precauzioni segnaletiche utilizzando mezzi, soprattutto biciclette, privi di luci. Tutto questo è inaccettabile per noi nettunesi, soprattutto in considerazione dell’alto valore turistico della nostra città. Come purtroppo è risaputo, però, l’attività d’accoglienza dei migranti rappresenta un business per chi riesce a mettere a disposizione un qualsiasi locale dove ospitarli. Sarebbe assurdo non capire le problematiche di coloro che fuggono dalla guerra per sperare in un futuro diverso, ma come responsabili politici e come cittadini abbiamo l’obbligo di garantire sicurezza, ordine e tranquillità. Per questo condividiamo la proposta di Terra Nostra Nettuno di richiedere un consiglio comunale aperto affinché gli amministratori, sindaco in primis, che già si sono espressi in maniera negativa sull’apertura di un nuovo centro, raccolgano la volontà popolare e si facciano garanti della sovranità territoriale dinanzi al Prefetto”.
Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere regionale FdI Fabrizio Santori:
“Il Governo abusivo continua a confezionare pacchi regalo a favore di quanti speculano sull’immigrazione selvaggia. Sono numeri da capogiro quelli che investono l’Italia sul fronte degli sbarchi, con il Lazio ad essere la seconda regione d’Italia per numero di immigrati accolti. Chiediamo al premier Gentiloni e al ministro dell’Interno Minniti di bloccare questo assurdo meccanismo, il nostro territorio è saturo e non può più sostenere un’immigrazione sconsiderata, dietro alla quale il più delle volte si cela il guadagno di associazioni che operano con i migranti lucrando e alimentando la situazione di emergenza che si è venuta a creare. Sono vicino ai problemi di Nettuno e userò quanto in mia facoltà per dare voce ai cittadini”.